SMETTI DI VIVERE ALLA GIORNATA – PAGAMENTO DOPO PAGAMENTO

febbraio 1, 2007 by claudio

Share
Scritto da Leo Babauta e tradotto da Claudio Santori

Per qualche anno ho passato dei difficili momenti finanziari. Mi stavo indebitando sempre di più, non riuscivo a pagare alcune bollette (finite ad agenzie di riscossione crediti) ed ero sempre in ritardo con i pagamenti. Ci ho messo un po’ a fare un passo indietro e capire che ero io l’artefice di questa situazione, per via delle mie scelte e abitudini finanziarie, e che potevo cambiare.

Oggi le cose si sono messe molto meglio anche se sono ancora in rosso. Ma ho iniziato a risparmiare. Ho pagato tantissimi piccoli debiti e la mia carta di credito è quasi completamente pagata (e intanto l’ho cancellata), spero di poter pagare la mia macchina per la fine dell’anno. In un anno dovrei essere senza più un debito, con ottime prospettive per il futuro. Sto anche preparando la mia pensione, un piccolo viaggio, una casa semplice. La mia situazione finanziaria oggi è molto meglio rispetto ad un anno e mezzo fa.

La rivista Kiplinger ha appena pubblicato un articolo (in inglese) dal titolo “Stop Living From Paycheck to Paycheck” e vorrei condividere il mio pensiero sull’argomento. Qualche consiglio sarà smile a quelli della rivista, ma da un punto di vista molto più pratico, almeno credo. Ci sono passato e sto ancora vivendo questa situazione.

Prima le cose importanti

La rivista consiglia di iniziare tracciando tutte le tue spese giornaliere, una raccomandazione tipica per questo tipo di blog, ed è un buon consiglio. Ma il mio è provare ad essere pratici – ci sono passato e so che segnarsi tutte le spese giornaliere può essere complicato. Ti consiglio di farlo, ma se non ci riesci, per qualunque ragione, fai in modo che questo non ti fermi lungo il cammino dello 0 debiti.

Il mio consiglio è, che tu ti segni o meno le tue spese (dovresti farlo), almeno fai queste cose:

  1. Smetti di sanguinare. Basta carta di credito, bancomat e carte di debito. Tagliale, mettile nel freezer dentro una busta piena d’acqua, veramente, congela le tue carte di credito. E smetti di fare altri debiti, basta prestiti dalla banca o compagnie finanziarie o amici o famiglia. Stop! Non fare nuovi debiti.
  2. Inizia a risparmiare! Il prossimo passo più importante da fare, all’inizio, è mettere da parte in un conto separato. Deposita regolarmente, almeno 100euro ad ogni stipendio, o anche più se puoi. Se non trovi 100euro leggi gli altri punti per sapere come. Fai in modo che diventi un deposito automatico, la prima bolletta che paghi ogni mese, perché alla fine sarà la più importante! Un conto dove mettere i tuoi risparmi ti aiuterà a smussare le tue finanze – quando dovrai affrontare un’emergenza, tipo la macchina che ti lascia a piedi o qualcuno che dev’essere ricoverato in ospedale, non dovrai fare altri debiti. Avrai sempre contante disponibile per le emergenze e puoi usare l’altro contro per pagare le spese correnti.
  3. Controlla le spese extra. Se non riesci a trovare 50-100-200 euro da risparmiare ogni mese, allora vuol dire che devi tagliare le tue spese. Ora avere una lista delle tue spese può esserti utile, ma anche se non ce l’hai, sai già quali sono le tue spese extra – sigarette, caffè, merende, dolci, caramelle, torte, ristoranti, riviste, vestiti e tecnologia, giocattoli, scarpe, libri, uscire la sera … questi sono solo alcuni esempi. Non dico che devi tagliare tutto, ma puoi iniziare con qualcosa, magari una spesa alla volta. Tutto conta. Poi usa i soldi che non hai speso per queste spese extra e metti questi soldi nel tuo conto risparmio, appena prendi lo stipendio. Aumenta la cifra nel corso del tempo.
  4. Inizia una reazione a catena per uscire dal debito. Se non hai letto (in inglese)riguardo alla reazione a catena per uscire dai debiti (Debt-snowball method), è molto semplice. Fai una lista dei tuoi debiti e ordinali in base al più piccolo in alto e il più grosso in fondo alla lista. Concentrati sul debito in cima alla lista, fai tutto quello che puoi per spazzarlo via, anche se puoi togliere 40-50 euro (di più…ancora meglio). Quando lo hai pagato, festeggia! Poi considera la cifra in totale che stavi pagando (diciamo minimo 70euro più i 50 extra per un totale di 120) e fallo diventare il pagamento minimo del prossimo debito nella tua lista. Continua questo processo utilizzando la reazione a catena scatenata (tipo una valanga che cresce), fino a che non hai pagato tutti i tuoi debiti. Potresti metterci qualche anno ma alla fine sarai premiato e vedrai, è davvero qualcosa di necessario nella tua vita.

Ora che è passata l’emergenza

Questi consigli sono i primi passi per tamponare l’emergenza. Mentre lavori su quei punti, considera anche questi:

  1. Prepara un budget. Chiaro, è un termine fastidioso per molti di noi. Ma non è così difficile e se riesci a gestirlo correttamente, è molto semplice. Usa un foglio di calcolo Excel. Fai una lista di tutte le tue spese regolari (affitto, casa, bollette, internet, etc.) e poi l’importo. Poi le spese variabili (mangiare, benzina, mangiare fuori, etc.) e poi le spese non sempre regolari (riparare la macchina, spese mediche, tutte le spese che non sostieni ogni mese, ma dividile nell’importo mensile corrispondente – se spendi 600Euro all’anno per la tua macchina, metti nel tuo budget 50€ mensili come spesa per la manutenzione della macchina). Ora fai un confronto con il tuo stipendio. Le spese dovrebbero essere inferiori.
  2. Automatizza i pagamenti. Per quanto possibile, paga le tue bollette in automatico tramite il tuo conto in banca. Per quelle che non puoi pagare così, usa il sistema di banking online e crea pagamenti regolari. In questo modo, tutte le spese regolari nel tuo budget saranno sistemate. Ricorda di fare in modo di pagare, nello stesso modo, anche il versamento da fare al tuo conto dove metti i risparmi per le emergenze.
  3. Risparmia per le spese extra. Qualcuno lo chiama il conto della libertà, ma la chiave per essere sicuro di avere le tue finanze sotto controllo è rimanere fedeli al proprio budget. Prendi nota di tutte le spese extra, assicurazione, manutenzione macchina, riparazioni, regali (pensa al Natale!), spese mediche e altre cose. Fai una lista, una stima annuale di spesa, poi inizia a risparmiare ogni mese. Se spendi 600€ all’anno in manutenzione, pianifica 50€ al mese per quella spesa e metti l’importo nel tuo conto risparmio. Potresti creare conti differenti per spese differenti, usando il sistema di banca online via internet, o mettere tutto in un account e usare il tuo computer per tenere tutto sotto controllo. Poi, e qui il segreto,quando devi sostenere quella spesa, usa questi soldi per pagare il conto! In questo modo, puoi usare il tuo budget regolare per le spese regolarli, non per le spese “non pianificate”.
  4. Usa il sistema delle buste per le spese variabili come cibo e benzina. Questo è opzionale, ma è un buon consiglio. Io lo uso da un po’ di tempo, e funziona perfettamente. Ipotizziamo che ad ogni stipendio metti da parte qualcosa in tre gruppi – uno per la benzina, uno per il cibo, uno per le uscite la sera. Tirita il totale dal tuo stipendio, metti tutto in buste separate. In questo modo, puoi tenere facilmente traccia di quanto hai speso e quanto ti rimane per ognuna di queste spese. Quando hai finito i soldi, lo saprai subito e non spenderai più del dovuto per quella specifica categoria. Se finisci i soldi regolarmente, è il caso di ripensare al tuo budget.
  5. Inizia a pensare ai tuoi obiettivi e pianifica. Quando vuoi andare in pensione? Quando spesso vuoi viaggiare? Quando vuoi comprare la casa dei tuoi sogni? Vuoi risparmiare per l’educazione dei tuoi figli? Pensa a cosa vuoi dalla vita, e inizia a pianificare risparmiando per raggiungere i tuoi obiettivi, specialmente quando hai già seguito tutti i precedenti consigli.

Quando avrai applicato tutti questi consigli, dovresti essere uscito dalla sindrome pagamento dopo pagamento. Ora inizia un nuovo mondo pieno di opportunità finanziare. E’ il momento di iniziare ad investire i tuoi soldi per i tuoi obiettivi. Ma per prima cosa devi uscire dalla crisi iniziale.

Facebook Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *